top of page
  • Anonimo

Proteggiamo il nostro pianeta con gli alberi!

Il nostro pianeta è in pericolo!

Questo è lo slogan, la formula che sentiamo da decenni. Ma è stato fatto qualcosa per salvare il nostro piccolo pianeta?


A partire dal XXI secolo, molti governi e privati hanno deciso di impegnarsi in iniziative di piantumazione di alberi, creando nuove piccole foreste. Oggi esploreremo queste nuove idee per, forse, convincerci.


L'interesse dell'Italia...


La legge è strana! Sappiamo che alcune leggi sono considerate ridicole, come il divieto di camminare con le galline per le strade di Roma. Naturalmente, la maggior parte di queste leggi sono state emanate decenni fa e sono state abrogate. Ma, negli ultimi trent'anni, c'è una legge italiana che ha attirato la nostra attenzione. Si tratta della legge n. 113 del 1992, che prevede la piantumazione di un albero per ogni bambino nato o adottato. Il sindaco deve solo scegliere il tipo di albero, la stagione più adatta per la piantumazione e il luogo dove creare questo nuovo piccolo bosco. Dovrà anche scrivere una relazione alla fine del suo mandato!

La legge sottolinea il forte legame tra la nascita e la vita dell'uomo e la vitalità degli alberi. Nel 2020, a Firenze, sono stati piantati 1300 alberi grazie a questa legge!

Anche se si applica solo ai comuni con più di 15.000 abitanti, i municipi più piccoli hanno preso l'iniziativa di seguire questa idea. A Gangi, un piccolo paese della Sicilia, il Comune ha piantato 38 alberi in onore dei 38 bambini nati nel 2022. È il secondo anno consecutivo che il piccolo paese adotta questa iniziativa.


Tuttavia, questa legge è stata poco applicata negli anni successivi, per cui è stata approvata una nuova legge, la n. 10 del 14 gennaio 2013 (entrata in vigore il 16 febbraio 2014), che chiarisce e amplia le disposizioni di attuazione. In altre parole, oltre a trattare gli alberi monumentali e la Giornata nazionale degli alberi, questa legge prevede l'applicazione di nuove norme:

  • I comuni devono mettere a disposizione l'albero entro 6 mesi (anziché un anno) dalla nascita del bambino (un periodo equivalente alla piantumazione). "Devono inoltre fornire alla persona che fa richiesta all'ufficio di registrazione tutte le informazioni dettagliate sul tipo di albero e sul luogo in cui è stato piantato" (Treedom, 2014).

  • Inoltre, ogni comune deve identificare e classificare gli alberi piantati negli spazi pubblici entro un anno.

  • Una volta che il sindaco del comune ha completato il suo mandato, è necessario fornire un bilancio arboreo entro due mesi.

  • Infine, all'interno del Ministero dell'Ambiente è stato creato un Comitato per lo sviluppo degli spazi verdi pubblici, con l'obiettivo di monitorare l'effettiva attuazione della Legge 113/1992. In questo modo, si promuove l'attività delle autorità locali e si incoraggia la creazione di spazi verdi nelle città, come la piantumazione di alberi lungo le strade.


L'effetto della piantumazione di alberi sulla protezione dell'ambiente è riconosciuto in tutto il mondo. Ecco tre campagne che lo dimostrano:


La campagna "Billion Tree"

La Campagna "Billion Tree" è un'iniziativa lanciata nel 2006 dal Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP), nel tentativo di arginare e limitare il riscaldamento globale, sfidare la sostenibilità e arrestare la perdita di biodiversità.


Plant-for-the-Planet

Il progetto Plant-for-the-Planet è nato da Felix Finkbeiner, un bambino tedesco di 9 anni che, attraverso una ricerca scolastica, è venuto a conoscenza di Wangari Maathai, ambientalista africana e fondatrice del Green Belt Movement. La donna voleva piantare più di 30 milioni di alberi in tutta l'Africa. Felix, ispirato dal suo lavoro e rattristato dallo sradicamento di un milione di alberi in Germania nel 2007, aspirava a far sì che ogni bambino del mondo piantasse un milione di alberi per ogni nazione del pianeta. Nel 2008, Felix ha presentato la sua iniziativa all'Assemblea delle Nazioni Unite e nel 2011 è stata istituita ufficialmente la sua fondazione. Oggi, Plant-for-the-Planet è "un movimento globale per ripristinare gli ecosistemi forestali per affrontare la crisi climatica e la perdita di biodiversità" (sito ufficiale www.plantfortheplanet.org). L'iniziativa prevede di piantare il maggior numero possibile di alberi per combattere gli effetti del riscaldamento globale, come le emissioni di anidride carbonica.


UNEP

Il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente (UNEP) è un'organizzazione internazionale fondata nel 1972 per combattere i cambiamenti climatici, proteggere l'ambiente e investire nelle risorse naturali. Ha sede a Nairobi, in Kenya, ma opera allo stesso tempo in diverse parti del mondo attraverso i suoi uffici amministrativi. Il suo staff è composto da esperti di politica ambientale che lavorano in tutto il mondo.


e così...


Semi e alberi piantati in tutto il mondo, con la collaborazione di tutti, dimostrano che l'umanità può essere ricca come la terra. Dopo molti sforzi da parte di comunità e nazioni, ci sono "progetti innovativi, iniziative educative, partnership pubblico-privato e piani per il futuro" che hanno l'ambizione di cambiare il mondo oggi. Contribuire a piantare anche un solo albero è già un aiuto significativo. Non significa che il mondo sia salvo, ma è un modo di pensare che lascia la speranza di un mondo migliore.




Risorse:




Comments


bottom of page