UN BIOMA DA SALVARE

Dopo l'uscita del documentario di Netflix Seaspiracy, che denuncia l'immenso impatto della pesca industriale sull'ambiente, questo tema ha ricevuto una grande attenzione sociale. In effetti, l'industria della pesca ha purtroppo gravi conseguenze ecologiche e il consumo di pesce e molluschi è diventato ormai insostenibile in tutto il mondo.

La pesca industriale è legata a una serie di fenomeni negativi, tra cui il sovrasfruttamento di alcune specie, come il nasello, la sogliola e le sardine, la gestione opaca della pesca e le catture accessorie. A ciò si aggiungono il grave declino della biomassa marina, la perdita di biodiversità e l'inquinamento diffuso dovuto agli scarichi delle navi e alle reti da pesca, che contribuiscono ad aumentare la presenza di plastica negli oceani e nei fiumi.


In Senegal, le cui acque sono tra le più inquinate al mondo, un piccolo villaggio ha realizzato un progetto locale che mira a ottenere un'industria della pesca artigianale sostenibile. Il progetto mira a promuovere lo sfruttamento sostenibile delle risorse marine, garantendo al contempo la sopravvivenza delle famiglie locali, che si guadagnano da vivere principalmente con la pesca.





Un ecosistema locale ricco e complesso...


Il villaggio di Djirnda si trova nelle isole Saloum, nel nord del Gambia. L'area, dove si trova il Parco Nazionale del Delta del Saloum, è un bacino di biodiversità e ospita un gran numero di specie ittiche e costiere. Un elemento essenziale dell'ecosistema locale è la mangrovia. Si tratta di un ecosistema palustre marino, presente solo nelle regioni tropicali, molto fragile. Questo bioma è quindi una risorsa da proteggere, poiché svolge un ruolo sociale molto importante. È una fonte di sicurezza alimentare per la popolazione locale, protegge la costa dalle onde e, infine, è il luogo di riproduzione di molte specie di pesci e molluschi. Ma nel corso degli anni, le attività di pesca insostenibili o illegali hanno seriamente minacciato questo ecosistema, riducendo drasticamente le risorse marine disponibili e mettendo a rischio la sopravvivenza delle popolazioni locali.



... che richiede un'attenzione particolare

.

Al fine di ridurre l'impronta ambientale della pesca, garantendo al contempo l'economia locale, i giovani e le donne hanno accolto con favore la proposta di un progetto di pesca sostenibile proposto dall'Institut de la Francophonie pour le Développement Durable (IFDD). Il progetto mira a ripristinare gli ecosistemi marini e a ricostruire gli stock ittici. L'iniziativa, inaugurata nel 2018, si concentra sulla ricostruzione dell'ecosistema delle mangrovie attraverso attività di riforestazione, svolte principalmente dalle donne del villaggio. I partecipanti al progetto hanno lavorato anche sull'aspetto del marketing e dell'etichettatura dei prodotti ittici, per rendere i prodotti lavorati e venduti dagli abitanti del luogo ben presentati e più attraenti per il mercato, sia a livello locale che a livello internazionale. La combinazione di queste azioni ha permesso la graduale creazione di un'industria della pesca artigianale sostenibile nel comune, per la gioia degli abitanti.



Dare speranza


Il sindaco del comune di Djirnda, Badara Dione, afferma che i primi risultati sono già visibili: pesci e molluschi sembrano essere più abbondanti e gli abitanti del villaggio notano il ritorno di alcune specie ormai molto rare. Per gli abitanti, questo è fonte di soddisfazione e speranza. Anche le donne del villaggio vedono motivi di speranza: l'industria della pesca artigianale permetterà ai loro figli di avere un lavoro in loco, senza che tutti i giovani debbano emigrare in cerca di un futuro migliore.


Ponendo i pescatori e gli abitanti del villaggio al centro degli interventi, il progetto dimostra che è effettivamente possibile conciliare gli interessi socio-economici degli attori con le esigenze di conservazione dell'ecosistema.




Per maggiori informazioni:


Istituto della Francofonia per lo Sviluppo Durevole (IFDD): www.ifdd.francophonie.org


Il progetto:

www.ifdd.francophonie.org/actions/mise-en-oeuvre-dune-filiere-durable-de-peche-artisanale/






51 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti