top of page
  • Anonimo

Patto bilaterale tra Francia e Algeria per gli idrocarburi

L'origine della necessità della Francia di acquistare gas algerino inizia con la rottura delle relazioni commerciali con la Russia dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. Per far fronte a questa crisi energetica, il 25 agosto il presidente francese Emmanuel Macron si è recato ad Algeri per una visita ufficiale di tre giorni per discutere la questione del gas con i rappresentanti dello Stato algerino. L'Algeria forniva già gas alla Germania e all'Italia, quindi l'obiettivo del Presidente era quello di rifornire anche la Francia di questa risorsa. È importante sottolineare che l'Italia e la Germania non sono gli unici Paesi a volere il gas algerino, anzi, tutta l'Europa ha "voltato la testa verso l'Algeria".

L'Algeria produce circa 1.000 miliardi di metri cubi di gas all'anno e ne esporta quasi la metà. I Paesi europei che acquistano le maggiori quantità di gas algerino sono l'Italia e la Spagna, attraverso gasdotti costruiti decenni fa. Inoltre, il Paese nordafricano esporta anche gas liquido via nave, principalmente in Turchia, ma anche in Francia. Nel 2019, la Francia ha acquistato 3,6 miliardi di metri cubi di gas algerino, che corrispondono a circa il 5% della produzione di gas algerina.


In realtà, questo affare del gas è un rinnovo di vecchi accordi già stipulati nel XX secolo, in particolare a partire dagli anni '60, quindi la storia è molto più lunga di quanto si pensi. Il primo accordo franco-algerino è stato stipulato il 27 dicembre 1968 e forniva una soluzione globale e duratura ai problemi relativi alla circolazione, all'impiego e al soggiorno dei cittadini algerini sul territorio francese. Gli altri obiettivi dell'accordo erano quelli di facilitare l'avanzamento professionale e sociale dei lavoratori algerini, di migliorare le loro condizioni di vita e di lavoro e di incoraggiare il pieno impiego di questi lavoratori che già risiedevano in Francia o che vi si recavano attraverso l'Ufficio Nazionale del Lavoro, nel quadro di una quota pluriennale concordata.

Tuttavia, secondo gli archivi del quotidiano francese "Le Monde", la Francia ha beneficiato degli accordi petroliferi franco-algerini ma non ha mantenuto le promesse sulla ricerca di idrocarburi. Come riportato nell'articolo, "la cooperazione petrolifera franco-algerina si conclude per la Francia, dopo tre anni di esperienza (luglio 1965-giugno 1968), con entrate dell'ordine di 350 miliardi di vecchi franchi e un risparmio in valuta estera di 1.250 milioni di dollari, cioè un quarto delle attuali riserve della Banca di Francia, mentre l'Algeria sta ancora aspettando in molti campi la contropartita dei notevoli vantaggi concessi all'economia francese", scriveva sabato il quotidiano "El Moudjahid", quindi la parte che ha beneficiato meno di questo accordo è l'Algeria e questa tesi trova conferma nell'archivio del giornale francese. Il motivo che veniva addotto per spiegare questa mancanza di risultati da parte della Francia era l'ipotesi di un tentativo di sfruttamento delle risorse algerine nell'ambito di manovre neocolonialiste e, per dimostrare questa ipotesi, il quotidiano algerino El Moudjahid aveva riportato le seguenti informazioni: innanzitutto, la Francia aveva ridotto al minimo i suoi obblighi nei confronti dell'Algeria nell'accordo di Algeri. Inoltre, il giornale algerino sottolineava il fatto che le compagnie petrolifere francesi avevano assunto una posizione predominante. "Le compagnie francesi - si legge - sono attualmente interessate alla metà dei 190.000 chilometri quadrati dell'Associazione Cooperativa Franco-Algerina. Di conseguenza, controllano circa 95.000 chilometri quadrati, ovvero il 38% dell'area coperta dai permessi, mentre le altre compagnie straniere controllano solo il 6%. A ciò si aggiungono 15.000 chilometri quadrati di area di sfruttamento, pari al 75% dell'area totale coperta da concessioni.

Il giornale riporta inoltre che "nel 1968 le compagnie francesi disponevano di 32 milioni di tonnellate di petrolio, su una produzione totale di circa 43 milioni di tonnellate. Nel campo dei trasporti, i gruppi francesi detengono il 65% del capitale di Trapsa, il 75% del capitale di Sopeg e il 48,75% di Sotha, il che dà loro il controllo di quasi il 44% degli oleodotti che portano al mare e di quasi la metà del trasporto di gas.


La domanda che sorge spontanea è: come si sono evolute queste relazioni energetiche fino ai giorni nostri?

L'Algeria è famosa per le sue risorse naturali e si colloca al secondo posto in termini di riserve di gas naturale e petrolio in Africa. È anche famosa per contenere una grande quantità di carbone, ferro, fosfato e uranio. Queste risorse sono il motivo per cui la Francia coloniale ha sfruttato l'Algeria per anni. Il 1830 segnò l'inizio della colonizzazione dell'Algeria, che rimase in questo stato per 132 anni. Nel 1962 l'Algeria ha finalmente ottenuto l'indipendenza dopo molte sofferenze.


Prima della guerra in Ucraina

Dopo una crisi nelle relazioni tra Francia e Algeria, e alla luce di importanti cambiamenti regionali e internazionali, abbiamo assistito a un riavvicinamento. Tuttavia, la strada per raggiungerlo non sembra facile, a causa degli spinosi problemi del passato e delle difficili questioni del presente.

L'Algeria ha preso la decisione di ritirare il proprio ambasciatore per un periodo di tre mesi nel 2021, in seguito alle critiche senza precedenti del presidente Macron alla classe dirigente algerina, in cui ha fatto riferimento al fatto che il sistema politico-militare algerino è stato fondato su un "affitto della memoria" e su "una storia ufficiale basata sull'odio", negando poi l'esistenza di una "nazione algerina" prima dell'ingresso del colonialismo francese. Questa posizione della Francia non è durata a lungo, alla fine del 2021 il ministro degli Esteri Jean Yves Le Drian (l'ex) si è recato in Algeria per chiudere la crisi, il presidente Tebboune ha risposto al telefono del presidente Macron. Hanno avuto una discussione molto seria e calda, hanno messo fine alla crisi prima di andare in Algeria e inoltre il presidente Macron ha fatto le sue osservazioni concilianti.


Dopo la guerra in Ucraina

Nel 2022, durante la campagna elettorale, la comunità algerina ha presentato un grande sostegno al presidente francese, contando più di due milioni e mezzo di persone (il 30% delle quali registrate come immigrati), e per questo motivo il presidente ha deciso di porre l'Algeria come prima destinazione delle capitali del Maghreb, anche se avrebbe dovuto visitare prima il Marocco (Rabat). La "visita in Algeria" di Macron arriva in un momento in cui entrambi i Paesi sembrano avere un urgente bisogno di riavvicinamento, alla luce di un'acuta crisi nelle relazioni internazionali a seguito della guerra in Ucraina, della pandemia di Corona e dei segnali di crisi tra Cina e Stati Uniti. Queste crisi hanno gravi ripercussioni, in particolare sulla sicurezza energetica dell'Europa e sulla situazione economica, sociale e di sicurezza nel Maghreb, nel Sahel e nelle regioni sub-sahariane.


La guerra in Ucraina ha provocato una violenta crisi energetica in Europa. Mentre l'UE è quindi alla ricerca di un futuro fornitore che possa ridurre la sua dipendenza dalla Russia, nello stesso contesto si scopre che l'Algeria possiede le maggiori riserve di gas naturale del continente africano. Per non parlare delle sue ambizioni di costruire il più grande gasdotto dalla Nigeria al Mediterraneo, ma per farlo l'Algeria ha bisogno del sostegno europeo al progetto. Il motivo principale della convergenza tra Algeria e Francia è quindi il gas. Durante le oscillazioni delle relazioni dell'Algeria con la Francia e poi con la Spagna, che hanno contribuito all'allargamento del partenariato europeo con la Germania e l'Italia, oltre alla Turchia, che negli ultimi anni è diventata un concorrente della Francia per l'influenza nella regione del Maghreb, la Cina è diventata il principale partner commerciale dell'Algeria a scapito della Francia. L'Italia ha sfruttato le tensioni tra Francia e Algeria e ha approfittato di questo momento per firmare un grande contratto con cui l'Italia si considera il partner europeo privilegiato dell'Algeria. La seconda ragione del riavvicinamento tra Algeria e Francia è il declino della Francia al secondo posto tra i partner commerciali dell'Algeria, che sta cercando di recuperare il suo posto sul mercato algerino.Nel 2020, le esportazioni francesi ammontavano a 3,6 miliardi di dollari, dietro alla Cina, le cui esportazioni ammontavano a 5,7 miliardi di dollari, e davanti all'Italia, le cui esportazioni ammontavano a 2,4 miliardi di dollari, poi la Germania con 2,2 miliardi di dollari e infine la Spagna con 2,1 miliardi di dollari, perché la Spagna sta vivendo una recente crisi con l'Algeria. Questa recente crisi tra Madrid e l'Algeria ha dimostrato che quest'ultima è sempre più dipendente dall'energia come arma diplomatica. Lo scorso luglio, società italiane, francesi, americane e algerine hanno firmato un accordo congiunto di 25 anni per lo sfruttamento di giacimenti petroliferi.


In conclusione, la guerra in Ucraina ha avuto molte conseguenze negative, come le seguenti: dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha chiuso il rubinetto del gas che passava attraverso l'Unione Europea, l'Unione Europea soffre della mancanza di risorse energetiche, che l'ha costretta a stringere accordi con i Paesi che contengono riserve di gas naturale, oltre ad aumentare le bollette di gas, cibo, benzina ecc. D'altra parte, l'Algeria ha approfittato di questa situazione per rinnovare le sue relazioni con l'Unione Europea e ha anche utilizzato le sue risorse energetiche per ristabilire le relazioni con i Paesi minacciati dalla carenza di gas. Ha anche approfittato del quadro politico, ad esempio per la questione del Sahara occidentale.



FONTI:

*Immagine copertina- GettyImages


24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page